Stagione record per la Fidal Latina: 1657 tesserati, in 2 anni 80% in più !

Stagione record per la Fidal Latina: 1657 tesserati, in 2 anni 80% in più !

Il periodo fine anno – inizio di quello nuovo è tempo di consuntivi e programmi. Anche per l’Atletica.

“Senza mezzi termini si è trattato di una delle migliori stagioni vissute dall’atletica di Latina, una crescita continua, testimoniata dal nuovo record di tesserati a 1657 unità, secondi solo e Roma e Romasud, che si basano su comprensori nettamente più vasti ed in forte crescita visto che nel 2016 erano 917 !

A parlarcene è il presidente provinciale della Fidal, il prof. Giampiero Trivellato da quarant’anni impegnato a pignorare la causa della regina degli sport e da otto al timone del comitato provinciale della Fidal.

 “Sotto l’aspetto organizzativo possiamo vantare una stagione doc grazie alla collaborazione di vari sodalizi provinciali ad iniziare dalla Latina Runners di Alberto Spagnoli ha aperto l’anno organizzando perfettamente il “Vertical Sprint”,  ormai consolidato a livello nazionale con la scalata del grattacielo di Latina, una delle otto tappe a livello mondiale dell’evento, fino alla “Corsa di Natale per Telethon” che ha chiuso l’annata sotto l’aspetto umanitario ed agonistico.

Nel bel mezzo tutto il circuito di corse su strada  “in Corsa Libera”, organizzato in simbiosi con l’Opes e che sta sempre più catalizzando l’attività a livello regionale; l’apprezzamento e la crescita dell’iniziativa è testimoniata dall’inserimento per il 2019 addirittura della Maratona di Roma!

L’attività indoor ha vissuto all’interno del CPO di Formia con un meeting della Poligolfo, una prova di campionato provinciale ed una regionale. Nella stagione all’aperto abbiamo organizzato un m meeting nazionale, tre manifestazioni di campionato regionale, 5 a livello provinciale e 4 studentesche.”

Chi sono i migliori talenti ?

“I responsi a livello individuale, dal settore giovanili a quello master, ci hanno visto in evidenza nazionale ed internazionale con atleti doc pontini, e svariati titoli e piazzamenti sia regionali che nazionali. Oltre ai risultati tecnici, un aspetto molto importante del movimento atletico è che alcuni atleti prodotti dai fiorenti vivai pontini sono sotto il mirino dei gruppi sportivi militari per un eventuale arruolamento che oltre alle maggiori possibilità agonistiche gli garantirebbe un futuro lavorativo stabile; andrebbero ad aggiungersi agli oltre venti già arruolati negli anni passati.

Tra gli atleti già affermati e conosciuti citerei Simone Poccia ed Alessia Palmaccio, con un passato in Poligolfo e Intesatletica ed ora in CARIRI; Mirko Franceschetti, Roberto Iazzetta, Mauro Trivellato, Stefano e Valentina Mansutti tutti Atletica Latina 80 ed ora Intesatletica; Casimiro Sciscione, prima Atletica Priverno e Latina 80 ed ora Futura Roma; i fratelli Abdikadar provenienti dall’Atletica Sezze, Mohad ora in CARIRI e Mohamed arruolato in Aeronautica Militare;  gli sprinter Mattia Rinaldi e Alessia Vantaggio della Runforever Aprilia di Renzo Traballoni; il lanciatore di Sabaudia Alessandro Finocchi e concludiamo con la crescita nei 400 di Domenico Fioribello altro prodotto Latina 80 ora Intesatletica. Importante il ritorno alle gare di Nicoletta Anton dopo l’incidente stradale e che subito ha centrato il minimo per i campionati italiani.”

C’è ricambio tra i più giovani?

Il settore giovanile under 16, sotto la spinta dei team giovanili che operano molto bene, è ancora più vivo ed attivo e si sfornano tantissimi piccoli talenti che già si sono affacciati  alla ribalta regionale e nazionale.  Per fare solo qualche nome citerei il sestetto dell’Atletica Latina 80, Davide Zuliani, Andrea Terriaca, Mario Roani, Denise Iagnocco, Leonardo Dalmazio e Andrea Belvisi; Sara Anselmo della Runforever Aprilia, la talentuosa Miriam Liguori, prodotto dell’Atletica Sabaudia ed ora targata Fiamme Gialle; il trio della Poligolfo, Claudia Tessitore, Vanessa Coda e Francesca Polise.

Anche nelle competizioni a squadre ci siamo ben difesi con piazzamenti di prestigio di Latina 80 e Poligolfo a livello giovanile mentre tra gli assoluti i colori di Intesatletica, il team provinciale presieduto da Gigino D’Onofrio è l’unico che gareggia ed ottiene risultati a livello nazionale con una squadra praticamente costruita in casa, nell’arco di una trentina di chilometri.

E del fenomeno del settore master cosa ci dice?

“Ecco appunto, il settore master sta catalizzando sempre più l’attenzione atletica nazionale e la nostra provincia non è da meno con numeri in crescita sia nell’attività di corsa su strada che ancor più nell’attività su pista che sta avendo un vero e proprio boom. Quest’anno abbiamo raccolto una miriade di medaglie a livello regionale e nazionale con Ester D’Alessio, Davide Graziosi, Andrea Carpene, Olindo Lazzaro, Mauro Sciullo, Alfonso Natella, Emiliano Conticelli, Simone Coletta, Roberto Passarelli, Mauro Pucci, Catia Addonisio, Giancarlo Rosella e Cristian Chinaglia.”

Com’è la situazione a livello dirigenti ed arbitri?

“Il settore Giudici di Gara di Atletica è riuscito a coprire tutta l’attività e con l’anno nuovo partirà un nuovo corso. In estate si è completato il corso tecnici e contiamo di farne ripartire uno in primavera. Latina provincia pullula di tecnici  e dirigenti che hanno raggiunto livelli superiori; citiamo Gigi D’Onofrio organizzatore del Golden Gala; Marco Pietrogiacomi continua a salire di livello: dopo sei anni da presidente regionale ora occupa un alto ruolo nella federazione nazionale; Renato Lombardi assieme al sottoscritto continuano ad essere chiamati ad organizzare il Palio dei Comuni nell’ambito del Golden Gala, manifestazione che è assurta a livello nazionale; tecnici come Patrick Parcesepe, Ruggero Sala, Massimo De Meo, Maura Cosso, Livio Mansutti allenano a spalla con gli staff tecnici nazionali, Vincenzo Scipione opera nei corsi di formazione, altri incalzano a ruota.”

Passiamo ad analizzare la situazione impianti.

“La situazione degli impianti è il nostro tallone d’Achille e rispecchia quella a livello nazionale; Latina  è funzionante al 100% seppur con limitazione per gare assolute del salto in alto, la struttura è rifiorita dopo l’affidamento da parte del Comune al comitato provinciale. L’impianto, seppur con alcune problematiche relative all’età, può vantare di aver superato i 150.000 ingressi annui con una qualità sempre crescente al punto da essere scelto come location per importanti concerti estivi,  ma è l’unico. Ci si rammarica perché con qualche piccolo intervento migliorativo potrebbe ospitare anche manifestazioni di campionato Italiano e portare a Latina migliaia di atleti per più giorni!

Formia è un gioiellino da allenamento ma ha limitazioni per le gare di lanci e praticamente inutilizzabile per manifestazioni complete; ora che è funzionante anche il capannone indoor ospiterà tutta l’attività invernale laziale.

Gli altri impianti sono inutilizzabili o mai completati, frutto di scelte scellerate o incuria da parte delle amministrazioni passate; spesso però anche quelle attuali non hanno fatto nulla per risolvere i problemi. Gli esempi più drammatici ad Aprilia, Cisterna, Priverno, Terracina e Roccagorga.

E’ stato rifatto il manto della pista a Sezze, ma sembra non ci sia la volontà a far ripartire l’attività giovanile; emblematico il caso di Gaeta con la pista totalmente rifatta ma con problemi tecnici che la rendono inutilizzabile.”

Come vede il 2019 atletico in provincia?

“L’attività non diminuirà, anzi stiamo registrando un aumento sostanziale di affiliazioni.  Sicuramente sarà un anno duro sotto l’aspetto economico-amministrativo, ma non ci spaventiamo, anzi rilanciamo rimboccandoci ancor più le maniche e lavorando sodo. Infine abbiamo in trampolino di lancio alcuni progetti provinciali scolastici che andranno a tamponare il forte taglio esercitato dal governo sull’attività studentesca.”